Museo Civico Guido Sutermeister

Museo Civico Guido Sutermeister

Il Museo Civico di Legnano, riconosciuto ufficialmente nel 2004 dalla Regione Lombardia, è il risultato dell’appassionata ricerca del suo fondatore Guido Sutermeister che, tra il 1925 e il 1964, raccolse, documentò e conservò le memorie storico-artistiche cittadine e del territorio limitrofo.L’edificio, costruito nel 1928 nell’area dell’antico convento dei frati minori di Sant’Angelo, riprende la pianta della dimora quattrocentesca della nobile famiglia milanese Lampugnani che la utilizzava probabilmente per lo svago ed il divertimento. Tale dimora, originariamente sita oltre il fiume Olona, lungo l’attuale corso Sempione, venne demolita nei primi anni del ‘900; Sutermeister ottenne di reimpiegare i soffitti a cassettone, le colonne del portico e quant’altro fu possibile nel nuovo edificio; ripropose poi la decorazione affrescata degli ambienti, interni ed esterni, i cui originali sono attualmente conservati nella sede distaccata del Museo denominata “Torre Colombera”.Il Portico ospita, accanto a materiale lapideo d’età antica e tardoantica (I-V sec. d.C.), frontali di camini con stemmi araldici di famiglie nobili dei secoli XIV-XVI, iscrizioni e frammenti architettonici provenienti da edifici religiosi di età medievale e rinascimentale.

Breve descrizione descrizione delle sale espositive

A pianoterra si sviluppa la sala “Antichi silenzi”, in cui sono conservati i materiali archeologici restituiti dagli scavi effettuati a Parabiago tra il 1928 ed il 1993.I reperti, provenienti da contesti funerari, sono presentati secondo un criterio cronologico che ricostruisce l’evoluzione culturale e storica del sito, a partire dall’età repubblicana fino alla piena età imperiale (I sec. a. C. - II sec. d.C.). Nello Studiolo al piano superiore è allestita la “Collezione Sala” con reperti greci, magnogreci, etruschi e romani (IX sec. a. C. - III sec. d.C.). L’esposizione mira a ricostruire, con estro creativo, la collocazione di materiale archeologico in una casa privata: una sorta di riproposizione delle wunderkammern, o “Stanze delle meraviglie”, tanto amate nel Rinascimento dai principi dell’Europa centrale.Il Salone d’Onore ospita i reperti provenienti dalla necropoli di Bernate Ticino. Il percorso espositivo illustra la recente scoperta di un’area sepolcrale che ha restituito rare tombe galliche di III – inizi II sec. a. C., alcune deposizioni di piena età imperiale (I sec. d. C.) ed un numero consistente di sepolture tardoromane (III – IV sec. d. C.) con interessanti corredi tombali. La Loggetta conserva materiali archeologici rinvenuti a più riprese a Legnano e nei vicini centri della media Valle Olona; l’esposizione si propone di presentare le dinamiche di popolamento del territorio così come si sono sviluppate nei secoli: dall’Età del Rame al periodo longobardo (2500 a.C.-700 d.C.).
Nella Torretta è visibile una pregevole collezione numismatica; per rappresentare il patrimonio conservato nel Museo sono state scelte monete antiche (esemplari greci, romani e bizantini, VII sec. a. C. – VIII sec. d. C.) e moderne (emissioni della zecca di Milano dal Medioevo alla riforma di Maria Teresa d’Austria, IX sec. d. C. – 1780).

Fotografie di: Andrea Monachello

Luoghi d' interesse

Antichi documenti riportano che a Sud di Legnano, dove oggi sorge il castello, nel XIII secolo si trovavano una chiesetta dedicata a S...

Il Museo Civico di Legnano, riconosciuto ufficialmente nel 2004 dalla Regione Lombardia, è il risultato dell’appassionata ricerca del...

Gli edifici in cui risiedevano gli arcivescovi furono probabilmente costruiti vicino o intorno al più antico castello di Legnano,...

La basilica di San Magno fu iniziata, sul luogo della precedente chiesa di San Salvatore, il 4 maggio del 1504 e venne consacrata il 15...

Edificio databile alla metà del XV sec., deve il suo nome alla forma alta e stretta e alla destinazione che in passato...

Luoghi d' interesse in questa mappa

Il Museo Civico di Legnano, riconosciuto ufficialmente nel 2004 dalla Regione Lombardia, è il risultato dell’appassionata ricerca del...

Tra ottocento e novecento. le istituzioni
Legnano fu proclamata comune italico nel 1804, per iniziativa di...

Villa Jucker prende il nome dalla famiglia di dirigenti e imprenditori del Cotonificio Cantoni che l’hanno abitata sin dalla sua...

La famiglia Cantoni iniziò la sua attività nel commercio tessile nel 1700; nel 1820 avviò a Gallarate la prima tessitura di cotone...

© 2014 Legnano ON - Tutti i diritti riservati. Privacy | Termini e Condizioni
info@legnanoon.it